Perché l’NPS è importante

Cliente felice

Sentire il parere dei propri clienti risulta essere la chiave del successo per le aziende che vogliono distinguersi, innovarsi, fidelizzare i propri clienti e monitorare le proprie attività.

Abbiamo visto cos’è l’NPS e come calcolarlo ma scendiamo un po’ più nel dettaglio per capire il perchè della sua importanza:

  • L’NPS aiuta l’azienda a migliorare sempre di più il Personale
    Offre un costante monitoraggio dei propri dipendenti: è senz’altro utile a quelle aziende di medie e grandi dimensioni dove non esiste più il Titolare, sempre presente a controllare i singoli dipendenti, ed offre la possibilità a Responsabili/Manager di valutare le azioni fatte dai propri sottoposti; Ad esempio può servire a capire chi sono i migliori dipendenti da trattenere in azienda (ed eventualmente premiare) e aiuta a capire anche quali sono i dipendenti non performanti, in modo da offrire loro formazioni mirate per migliorare le loro prestazioni (o eventualmente licenziare).
  • L’NPS fa risparmiare Pubblicità
    Valuta il passaparola: ad oggi si è capito l’importanza di capire quanto un “già cliente” si sia trovato bene con la nostra azienda è senz’altro la migliore forma di pubblicità; Si stima che acquisire un nuovo cliente mediante il passaparola costi molto meno rispetto ad acquisirlo mediante azioni di marketing e pubblicità. (FourSquare, TripAdvisor etc. sono la conferma)
  • L’NPS fa capire quanti clienti fidelizzati abbiamo
    Un cliente soddisfatto spende di più ed ancora: oltre che essere soddisfatto del prodotto/servizio acquistato, un cliente soddisfatto considererà sempre la nostra azienda come il primo luogo dove rivolgersi; questo cliente probabilmente non si rivolgerà mai alla concorrenza (o nel caso dovesse farlo senz’altro se ne pentirà) e sarà disposto a pagare anche un po’ di più continuare ad essere un cliente soddisfatto.
  • L’NPS può essere un portatore di Innovazione
    Grazie ai commenti dei clienti, positivi o negativi che siano, se l’azienda è ricettiva ad ascoltare i consigli/lamentele dei propri clienti potrà correggere il tiro della propria strategia o cogliere i consigli dei propri clienti per portare delle migliorie alla propria azienda, ai processi (magari troppo contorti), ai prodotti (magari troppo antiquati), al personale (magari maleducato o poco Customer Oriented).

Quindi, la prossima volta che un cliente uscirà dal vostro negozio (reale o virtuale), soddisfatto o insoddisfatto che sia, sappiate che quel singolo cliente ha un potere enorme;
La prossima volta fate più attenzione: è quella persona li che vi paga lo stipendio e che sostiene la vostra azienda.

Annunci

A volte conviene ascoltare

Quando parli stai solo ripetendo qualcosa che già conosci, ma quando ascolti puoi imparare qualcosa di nuovo. (cit. Dalai Lama)

Per poter aiutare i propri clienti a volte sia essenziale e necessario stare zitti, ascoltare e comprendere quanto una persona ci vuole dire/chiedere/urlare.

Non possiamo credere di saperla lunga; volte ascoltando attentamente si può capire dove abbiamo sbagliato, come mai è sorto quel problema e come eventualmente far si che non si ripeta più. L’NPS può essere uno dei tanti modi che un’azienda può utilizzare per ascoltare i propri clienti e naturalmente fornire poi delle risposte. Domandare, senza poi ricevere risposta, è snervante.

Net Promoter Score: cos’è? e come funziona?

20140604-095555-35755964.jpg

Il Net Promoter Score (NPS) è un sistema che serve a misurare il gradimento dei clienti rispetto ad un determinato prodotto/servizio e si basa su una semplice domanda:

Quanto consiglieresti ad amici e parenti il nostro servizio?

Questo sistema di analisi della soddisfazione dei clienti è nato nel 2003 ed in principio è stato introdotto dalle grande aziende oltreoceano, ma pian piano sta arrivando anche per le aziende nostrane, che per fortuna hanno deciso di mettersi in gioco o per lo meno hanno capito l’importanza di dover migliorare il proprio servizio rispetto alla concorrenza.

L’NPS si basa su un concetto semplicissimo, cioè conoscere (via telefono, sms o email) quanto il cliente è soddisfatto del servizio ricevuto, considerando che:

  • da 0 a 6 si è detrattori
  • da 7 a 8 si è passivi
  • 9 e 10 si è promotori
scala di valutazione NPS
scala di valutazione NPS
  • Come si misura l’NPS?
    Viene calcolato così: % dei promotori – % dei detrattori= il risultato può aiutare a capire l’operato di una persona, di un’azione, di un’azienda, di una strategia o di un servizio offerto.
  • A cosa può servire richiedere ai propri clienti di valutare il servizio che hanno ricevuto?
    In pratica può aiutare la Direzione/Management ad analizzare il servizio che l’azienda ha fornito e magari capire come migliorare l’esperienza dei propri clienti.

In Net Promoter Score però va compreso, elaborato, e non basta leggere un risultato per avere una comprensione globale di quanto il cliente può aver “vissuto”.
Inoltre bisognerebbe capire perchè introdurlo, come analizzarlo e come fare poi per generare delle azioni utili orientate alla soddisfazione del cliente: Probabilmente nei successivi Post continuerò a parlare/scrivere di questo sistema di analisi della soddisfazione dei clienti che spero venga prima o poi adottato da Poste Italiane, Carrefour, Trenitalia e tutte quelle altre aziende che fino ad oggi non hanno minimamente pensato a chiedere ai propri clienti quanto bene o male si sono trovati… Giuro che quando avverrà – se mai avverrà – mi vendicherò.